Fuga tra i monti: la soluzione per il maschio imbranato a S. Valentino

0

San Valentino, due semplici parole che però possono far tremare i fidanzati inesperti. Decenni passati tra film hollywoodiani, spot televisivi diabetici, articoli di riviste, siti di ecommerce come Yoox che redigono guide per scegliere i regali giusti per l’occasione, hanno creato nel maschio una vera e propria ansia da prestazione nei confronti di questa giornata dedicata all’amore.

Oltre ai consueti “cosa fare? dove andare? che regalare?”, nella mente dell’innamorato alle prime armi sorgono altri, angoscianti, quesiti: “cosa penserà di me se non organizzo la serata perfetta? Come faccio a dimostrare quanto tengo a lei? E se poi non le piace? E se rovino tutto?”.

È molto probabile che davanti a tutte queste domande la prima reazione sia quella di… darsela a gambe! Bene, fatelo; perché questo è proprio quello che consigliamo di fare a chi non ha idea di come festeggiare il prossimo San Valentino.

letto, cuore

Qualche raccomandazione: prima di tutto evitate di andare nelle città romantiche per antonomasia, come ad esempio Venezia e Parigi. Proprio per la loro caratterizzazione queste non sono l’ideale per chi soffre di ansia da prestazione da festa degli innamorati; per quanto splendide, infatti, queste città a San Valentino si riempiono di cuori, ristoranti strapieni con menu “afrodisiaci” a prezzo fisso, vetrine rosso-rosa e putti ovunque. Inoltre, nei giorni intorno al 14 febbraio, i prezzi di alberghi e locali lievitano e molto spesso non si riesce a trovare qualcosa di davvero intimo per festeggiare in coppia.

IL MASCHIO IMBRANATO TRA I MONTI

Per evitare tutto questo, l’ideale è assecondare la vostra indole solitaria e rifugiarvi tra i monti. Letteralmente. Per stupire la partner, perché non optare per una soluzione poco scontato come i paesini montani? Le Dolomiti offrono scenari spettacolari dove trovare intimità, senza però cadere nei cliché. Non a caso, le Dolomiti sono state inserite dall’UNESCO nel patrimonio mondiale dell’umanità.

Le Tre Cime di Lavaredo, nell’Alta Val Pusteria, sono tra le location più indicate per un San Valentino intimo ma mai noioso. Le attrazioni delle nostre montagne, però, non finiscono qui: l’Alta Val Pusteria stessa offre incantevoli destinazioni dove è facile trascorrere giorni in tranquillità con la propria partner.

–> Guarda l’infografica

LE ATTRAZIONI DELL’ALTA VAL PUSTERIA PER LA COPPIA IN FUGA

Dobbiaco è un paesino incantevole, molto amato dal compositore Gustav Mahler, che qui ha creato alcune delle sue più famose sinfonie. Trovandovi immersi in una natura splendida, per conquistare il cuore della vostra bella vi suggeriamo una gita su una slitta trainata da cavalli intorno alle rive del Lago di Dobbiaco, poco distante.

Un’interessante meta per le coppie più alternative sono i bagni Wildbad. Situata a poca distanza dal paese di San Candido, questa località era nota già nel Medioevo per le sue sorgenti termali. Nel 1856 venne creato un sanatorio e la fama di questo luogo crebbe a tal punto che la struttura venne trasformata nel Grand Hotel Wildbad. Personalità del calibro dell’Imperatore Guglielmo II di Prussia e di Carlo I d’Austria soggiornarono lì. Quando il Sud Tirolo divenne italiano, il complesso iniziò a decadere e venne presto abbandonato. Raccontare questa storia sicuramente farà breccia nei cuori delle vostre compagne.

tavola spartana san valentino

Se si decide di visitare i bagni, può essere un’idea quella di pernottare a San Candido dove sono disponibili case ed appartamenti in affitto con una splendida vista sulle montagne. Da qui, è possibile esplorare il paesino, passeggiando mano nella mano nelle animate viette del centro pedonale, puntellato di negozi caratteristici. Per una pausa dolce, gustate una fetta di strudel in Piazza San Michele. Se siete alla ricerca di un’atmosfera raccolta e intima, potete trovarla nella splendida chiesa di San Michele Arcangelo, con la sua cupola a cipolla che ricorda la tradizione ortodossa.

Per la cena di San Valentino, niente ristoranti stellati, meglio affidarsi alla tradizione gastronomica sudtirolese. Tra schlutzkrapfen (ravioli farciti di spinaci e ricotta), polpettine di pane e patate, krapfen ripieni di crema, è facile organizzare una cena da leccarsi i baffi. Dopodiché, per concludere in bellezza la festa degli innamorati i più festaioli possono fare una puntatina nei locali dove si serve ottima birra, come quella prodotta dal consorzio Birrifici Sudtirolesi.

Se anche tu sei un maschio imbranato (o ne conosci uno a cui qualche consiglio servirebbe proprio) scappa dal San Valentino caotico e cittadino, rifugiati tra i monti.





LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here