Turismo letterario: Roma per lettori in 7 luoghi simbolo

Un tour tra caffè frequentati in passato da grandi scrittori e intellettuali, bistrot, librerie per tutti i gusti

0

di Valentina Biondini

 

Roma è una città con un grandissimo fascino, capace di conquistare gli amanti dell’arte, della storia antica, dell’architettura, ma anche dei libri.

Ebbene sì, tra monumenti secolari, vita notturna tutta da scoprire, trattorie e ristoranti dal sapore tradizionale, la città eterna ha molto da regalare anche a chi ama la lettura.

Per i nostri approfondimenti dedicati al turismo letterario, ecco un tour per le strade e le bellezze di Roma in 7 luoghi simbolo da non perdere.

 

1. ANTICO CAFFÈ GRECO

Per cominciare, una sosta all’Antico Caffè Greco è quasi d’obbligo. Non si tratta di un semplice locale, ma di una vera e propria istituzione culturale. Fondato nel lontano 1760 da tale Nicola della Maddalena, italiano di origini greche – da questo deriva il nome – si affaccia su via Condotti ed è il secondo più antico caffè d’Italia. Scorrendo il lunghissimo elenco degli avventori illustri che, nel corso degli anni, anzi dei secoli, lo hanno frequentato, troviamo: D’Annunzio, Goethe, Gogol’, Ibsen, Stendhal, Joyce, Leopardi.

Ma non è solo il suo glorioso passato a renderlo così speciale. Il Caffè Greco vi stupirà anche per l’eleganza del suo arredamento d’epoca, declinato in 4 sale (Venezia, Omnibus, Roma e Sala Rossa), e per l’esposizione di oltre 300 opere, che ne fanno la più grande galleria d’arte privata aperta al pubblico.

 

2. KEATS-SHELLY MEMORIAL HOUSE

Al numero 26 di Piazza di Spagna, nel palazzo alla destra della scalinata di Trinità dei Monti, si trova la Keats-Shelley Memorial House. Dal 1909 è un museo che, tra l’altro, ospita una fornita biblioteca specializzata in letteratura romantica, ma nel passato fu davvero la residenza di John Keats, che vi abitò negli ultimi anni della sua breve vita.

Al poeta britannico era stato consigliato di trasferirsi in Italia per tentare di alleviare le conseguenze della tubercolosi che minava il suo corpo. Tentativo rivelatosi, purtroppo, vano, tanto che, proprio qui, il giovane spirò a soli 25 anni. Sulla sua tomba, Keats volle un conciso e malinconico epitaffio: «Qui giace un uomo il cui nome fu scritto nell’acqua». Non sapeva, allora, che sarebbe diventato uno dei più celebri e amati esponenti del romanticismo inglese. E nemmeno che la sua casa sarebbe stata meta di pellegrinaggio per tanti dei suoi ammiratori.

 

3. THE ANGLO-AMERICAN BOOKSHOP

The Anglo American bookshop aprì i battenti nel 1953, per volontà di un illuminato signore di origine inglese, di nome Patrick Searle.

L’attuale locale si trova al numero 102 di via della Vite – tra Piazza di Spagna e via del Corso – e, su una superficie di circa 180 mq, ospita oltre 45.000 titoli di vario genere, dai romanzi ai saggi fino alle opere romano-centriche. La peculiarità di questi libri è che sono tutti scritti in inglese.

 

4. OPEN DOOR BOOKSHOP

La Open Door bookshop, libreria indipendente di libri usati, è stata fondata nel 1976 e si trova nel quartiere Trastevere.

Come si può leggere sulla sua pagina Facebook, il nome è stato scelto per due ragioni: da un lato serve a dare l’idea di una libreria che tiene sempre la porta aperta agli eterogenei gusti dei suoi lettori, dall’altro indica l’apertura e la curiosità, nei confronti di tutti i generi letterari, che contraddistingue chi gestisce l’attività. Qui troverete un’ampia scelta di libri italiani, ma anche inglesi, francesi, tedeschi e spagnoli. Poiché, si sa, i buoni libri non conoscono confini geografici né linguistici.

 

5. ALMOST CORNER BOOKSHOP

Restando a Trastevere, ma spostandovi di qualche via, vi imbatterete in un’altra libreria che, vende esclusivamente volumi in lingua inglese. Si tratta della Almost Corner bookshop.

L’ingresso incorniciato dall’edera e i dipendenti premurosi e zelanti ne fanno un luogo delizioso. Qui troverete un’ampia scelta di romanzi, gialli e saggi, tutti rigorosamente nuovi.

 

6. TRA LE RIGHE, LIBRERIA BISTROT

In zona Trieste, e più precisamente lungo Viale Gorizia, si trova invece l’originale libreria Tra le righe che è anche un bistrot.

Il locale ospita opere di narrativa italiana e straniera, promuove libri di scrittori esordienti, ha un reparto dedicato ai bambini e un altro di libri in lingua straniera. Ma è dotato anche di un fornitissimo bar e, dal lunedì al sabato, dalle 19 alle 20, organizza un esclusivo aperitivo in libreria.

 

7. BANCARELLE DI LIBRI USATI

Nessun tour dei luoghi per lettori di Roma potrebbe dirsi completo senza un giro tra le bancarelle di libri usati. Vere e proprie librerie mobili fanno capolino ad ogni angolo di strada, e potete trovarvi pile e pile di volumi.

Dai titoli nuovi ai grandi classici, dalle edizioni economiche a vere e proprie chicche degne del miglior bibliofilo, vale la pena perdersi in questo mare di carta per portare a casa un souvenir unico.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here