Libri in viaggio: 6 romanzi per volare nella magica Parigi

2

Torna l’appuntamento con Passione libri, la rubrica settimanale dedicata ai consigli di letture a tema. L’estate è arrivata e con lei il momento di pensare – e partire, ci auguriamo – per le attesissime vacanze. Avete già programmato le ferie? Vi crogiolerete al sole su qualche spiaggia affollata oppure prenderete fresco in montagna?

Anche le capitali europee attirano ogni anno la loro buona quota di turisti. E quando si parla di capitali dove perdersi e vivere giorni di relax, divertimento e cultura quale città è più affascinante di Parigi?

Se sognate di visitare il Louvre e le bancarelle di libri lungo la Senna, vi proponiamo 6 libri, che in un modo o nell’altro hanno a che fare con questa città. Libri in cui le vie, i monumenti e l’atmosfera parigina fanno da sfondo, e non solo, alla storia raccontata.

Pronti a partire con noi per la Francia?


 

Una moglie a Parigi, La libreria del buon romanzo, I miserabili

Una moglie a Parigi, Paula McLain | Beat |
Ottobre 1920. A Chicago arriva dalla natia Oak Park un ragazzo di vent’anni alto e snello, con splendidi occhi castani, capelli nerissimi e una fossetta sulla guancia sinistra. A casa della famiglia Smith, dov’è ospite, il ragazzo, Ernest Hemingway, incanta gli astanti coi suoi racconti sulla Grande Guerra. Rapita più di tutti dall’aria spavalda e dallo sguardo scintillante del ragazzo è un’amica di Kate Smith: Hadley Richardson, una ventottenne che, dopo la morte dei genitori, vive con la severa sorella Fonnie e la sua famiglia a St. Louis. Una volta tornata a casa, riceve la lettera di Hemingway che esordisce con: “Penso sempre a Roma; ma che ne diresti di venirci con me… come mia moglie?”. Senza soldi e alla ricerca di vita, felicità e successo, Hadley e il giovane Hemingway partono alla volta della vecchia Europa. Non si stabiliscono a Roma, ma a Parigi. Quando, però, dopo un figlio, arrivano anche il denaro e la fama, nell’inquieto scrittore esplode il desiderio di una vita libera, accanto a nuove e stimolanti conoscenze come John Dos Passos e Scott e Zelda Fitzgerald. Una vita che Ernest finirà col non condividere più con la riservata Hadley.
Tra queste pagine prende vita la Parigi del Novecento, la Parigi del periodo tra le due guerre. Artisti, scrittori e persone comuni affollano la storia e le vie cittadine. 

La libreria del buon romanzo, Laurence Cossé | Edizioni e/o |
Un misantropo appassionato di Stendhal, nascosto in un villaggio della Savoia, viene misteriosamente rapito e abbandonato in una foresta. Una bella signora bionda, esperta guidatrice, perde il controllo dell’auto e finisce fuori strada. Intanto in Bretagna un uomo che ogni giorno faceva la sua passeggiata in riva al mare incontra due sconosciuti che lo terrorizzano. Ma il lettore capisce presto che questo non è un classico romanzo poliziesco. Gli aggressori non sono né agenti segreti né trafficanti. Non aggrediscono dei duri ma delle persone miti. Ce l’hanno in particolare con un libraio ribelle, con una malinconica ereditiera e con la libreria che i due hanno creato senza mai pensare che potesse suscitare tanto odio. Chi, tra gli appassionati della letteratura, non ha mai sognato di aprire una libreria ideale dove si vendessero solo i libri più amati? Lanciandosi nell’avventura, Francesca e Ivan, i due librai, sapevano che non sarebbe stato facile. Come scegliere i libri? Come far quadrare i conti? Ma ciò che non avevano previsto era il successo. Un successo che però scatena una sorprendente sfilza di invidie e aggressioni.
Parigi fa da sfondo e da cornice a questa storia che parla di libri, del potere della parola, ma anche dei sacrifici che può richiedere portare avanti un’idea innovativa. 

I miserabili, Victor Hugo | Bur edizioni |
Un’opera monumentale, pubblicata nel 1862; uno dei romanzi cardine del XIX secolo, fra i più popolari e letti della sua epoca. Narra le vicende di vari personaggi nella Parigi post Restaurazione, in un arco di tempo di circa 20 anni (dal 1815 al 1833, con alcune digressioni alle vicende della Rivoluzione francese, delle Guerre napoleoniche e della Monarchia di Luglio). I suoi personaggi appartengono agli strati più bassi della società, i cosiddetti “miserabili”: persone cadute in miseria, ex forzati, prostitute, monelli di strada, studenti in povertà. È una storia di cadute e di risalite, di peccati e di redenzione.
La Parigi d’inizio Ottocento. La Parigi delle barricate, dei poveri che lottano per sopravvivere. Una Parigi indimenticabile. 


 

L'eleganza del riccio, Il paradiso degli orchi, Tartufi bianchi in inverno

L’eleganza del riccio, Muriel Barbery | edizioni e/o |
Siamo a Parigi in un elegante palazzo abitato da famiglie dell’alta borghesia. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renée, che appare in tutto e per tutto conforme all’idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. Invece, all’insaputa di tutti, Renée è una coltissima autodidatta, che adora l’arte, la filosofia, la musica, la cultura giapponese. Poi c’è Paloma, la figlia di un ministro ottuso; dodicenne geniale, brillante e fin troppo lucida che, stanca di vivere, ha deciso di farla finita (il 16 giugno, giorno del suo tredicesimo compleanno, per l’esattezza). Fino ad allora continuerà a fingere di essere una ragazzina mediocre e imbevuta di sottocultura adolescenziale come tutte le altre. Due personaggi in incognito, quindi, diversi eppure accomunati dallo sguardo ironicamente disincantato, che ignari l’uno dell’impostura dell’altro si incontreranno grazie all’arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese, il solo che saprà smascherare Renée e il suo antico, doloroso segreto.
Parigi è lo sfondo su cui si stagliano il condominio e i condomini, protagonisti indiscussi di questa storia. La città è una presenza discreta, ma che gioca comunque un ruolo non irrilevante. 

Il paradiso degli orchi, Daniel Pennac | Feltrinelli |
“Un eroe, Malaussène, che come lavoro fa il “capro espiatorio”. Una famiglia disneyana, senza mamme e babbi, con fratellini geniali, sorelle sensitive, una “zia” maschio protettrice di vecchietti, ladri e travestiti brasiliani, una “zia” femmina super-sexy, ritratto irresistibile del giornalismo alla “Actuel”, una misteriosa guardia notturna serba, un cane epilettico. Questa esilarante banda di personaggi indaga su una serie di oscuri attentati, sull’orrore nascosto nel Tempio del benessere, un Grande Magazzino dove scoppiano bombe tra i giocattoli e un Babbo Natale assassino aspetta la prossima vittima. Un’altalena tra divertimento e suspence, tra una Parigi da Misteri di Sue e una Parigi post-moderna dove proliferano i piccoli e grandi “orchi” che qualcuno crede estinti. Degli orchi si può ridere o si può tremare. Uno scrittore d’invenzione, un talento fuori delle scuole come Pennac, non ha certo paura di affrontarli con l’arma che lui stesso così definisce nel libro: ‘l’umorismo, irriducibile espressione dell’etica’.” (Stefano Benni)
Quella dipinta da Pennac è una Parigi di chiaroscuri, che può sembrare familiare a un primo sguardo, ma come volti l’angolo fa decisamente paura… È la Parigi dei quartieri meno rassicuranti, di Bellville e delle periferie, dove è possibile imbattersi in personaggi improbabili e grotteschi, in famiglie dissestate, in anti-eroi insuperabili. 

Tartufi bianchi in inverno, Nicole M. Kelby | Frassinelli |
La Parigi di fine Ottocento è meravigliosamente scandalosa: tra ombrellini e passeggiate al parco, si discute della mostruosità di quei selvaggi impressionisti, delle scoperte di una certa Madame Curie, delle piccanti avventure delle celebrità del momento. Solo al Petit Moulin Rouge si parla d’altro: Auguste Escoffier, lo chef che ha inventato il ristorante più chic della città, sta per sposarsi. Si mormora che il suo non sia un matrimonio come tutti gli altri, perché, invece di conquistare la futura moglie, l’ha vinta al gioco. Lei è Delphine, giovane poetessa dallo spirito libero, che incontra il marito per la prima volta il giorno delle nozze. “È troppo piccolo, quasi un bambino”, pensa Delphine incrociando i grandi occhi azzurri di lui, senza immaginare che cosa l’aspetti. Finché, la sera, invece di portarla in camera da letto, Escoffier la conduce nella cucina del suo restaurant. Tra il nitore abbagliante degli utensili, i profumi e gli aromi delle spezie, le parole suadenti di Auguste suonano come poesia, mentre crea un piatto squisito tutto per lei. Delphine quella notte conosce la sensualità, la passione e l’ebbrezza che un gesto d’amore può dare. Da quel momento è perduta. Perché il piccolo uomo che l’ha fatta innamorare incarna genio e sregolatezza, follia e creazione, desiderio e ambizione, arte e libertà. Legarlo è impossibile, perderlo impensabile. Tartufi bianchi in inverno è il romanzo di una vita imperfetta, geniale, appassionata.
Non c’è solo Parigi, in questo romanzo che unisce biografia e cucina, amore e guerra. Ma un omaggio alle cucine di fine Ottocento, a leggende come l’attrice Sarah Bernhardt, a un’epoca di principi e imperatori, ballerine da locali e cuochi non poteva mancare. 


A voi la parola, amici lettori. Quali romanzi riescono a catturare e trasmettere l’atmosfera di Parigi al meglio? Commentate con i vostri consigli di lettura!

2 COMMENTS

  1. Un’ottima lista!
    Consiglierei anche “La bambinaia francese” di Bianca Pitzorno. La seconda parte è ambientata in Inghilterra, ma la prima, secondo me, offre una bellissima descrizione della Parigi ottocentesca.

    • Ottimi consiglio. Ce ne sono arrivati diversi, anche dai social. Chissà che non facciamo un secondo articolo con altri 6 o più libri “parigini” in futuro. ^^

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here