I FANTASTICI 4 | Calarsi nella parte: le trasformazioni più radicali del cinema

Ogni settimana una selezione di pellicole a tema, tra film cult, volti noti e nomi da scoprire o riscoprire

0

di Concetta Piro

 

Le foto pubblicate dai maggiori siti di informazione online ci rimandano un Christian Bale in sovrappeso e rasato. Tranquilli, non ha iniziato a percorrere anzitempo il viale del tramonto, è solo l’ennesima trasformazione fisica per uno degli attori più camaleontici di Hollywood, resa necessaria per interpretare il ruolo del vice presidente del governo Bush Dick Cheney, nel film “Backseat”.

Il trasformismo è una delle caratteristiche più importanti richieste a un attore, perché se trucco ed effetti speciali possono fare miracoli, talvolta è necessario lavorare sul proprio corpo e sulla propria immagine, per entrare davvero in un ruolo.

Nel nostro appuntamento di oggi con “I Fantastici 4”, la rubrica settimanale dedicata al consiglio di pellicole a tema, abbiamo scelto le quattro trasformazioni più impressionati di sempre, dove la copia può addirittura arrivare a confondersi con l’originale. Guardare per credere!

 

Ben Kingsley è GHANDI

Un film di Richard Attenborough. Con Supriya Pathak, John Gielgud, Ben Kingsley, Edward Fox, Ian Bannen. Biografico, 188’. Gran Bretagna, 1985

Regista avvezzo alle biografia dei grandi personaggi, Attenborough ripercorre la vita di uno degli uomini più influenti di sempre. Sir Ben Kingsley è immenso, irriconoscibile. Otto premi Oscar per la pellicola, tra cui quello come miglior attore protagonista.

 

Nicole Kidman è Virginia Woolf in THE HOURS

Un film di Stephen Daldry. Con Meryl Streep, Nicole Kidman, Julianne Moore, Miranda Richardson, Ed Harris. Drammatico, 114’. USA, 2002

Dal libro omonimo di Michael Cunningham, autore americano insignito del Pulizter, la storia di tre donne legate dal romanzo “Mrs Dalloway” di Virginia Woolf. Tre grandi attrici si alternano davanti alla macchina da presa: ma se Meryl Streep e Julianne Moore sono notevoli, Nicole Kidman spicca sulle altre. La sua Virginia Woolf prende vita, grazie a una somiglianza incredibile. Premio Oscar meritato.

 

Charlize Theron è Aileen Wuornos in MONSTER

Un film di Patty Jenkins. Con Charlize Theron, Christina Ricci, Bruce Dern, Scott Wilson, Pruitt Taylor Vince, Drammatico, 110’. USA, Germania, 2003

La storia vera di Aileen Wuornos, una prostituta condannata a morte per sei omicidi e giustiziata in Florida nel 2002. La donna, si dichiarò colpevole, appellandosi però alla legittima difesa. I media americani la definirono “il primo serial killer donna” e la etichettarono come “mostro”. Charlize Theron si trasforma letteralmente: prende quindici chili e si imbruttisce per interpretare al meglio la donna. Anche in questo caso Oscar meritatissimo.

 

Bruno Ganz è Adolf Hitler in LA CADUTA

Un film di Oliver Hirschbiegel. Con Bruno Ganz, Alexandra Maria Lara, Corinna Harfouch, Ulrich Matthes, Juliane Köhler. Drammatico, 150’. Germania, 2004

Gli ultimi giorni del Führer e del bunker che gli fece da serraglio, tra orge e autodistruzione, visti attraverso gli occhi di Traudl Junge, ultima segretaria di Hitler. A Bruno Ganz il difficilissimo compito, se non di umanizzare, almeno di rendere presentabile uno dei personaggi più neri di sempre, emblema stesso del male.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here