Al via il primo campionato nazionale di Ruzzle

0

Oltre 45.000 iscritti e tollerenza zero per i truffatori

1Parte oggi il campionato italiano di Ruzzle, il Paroliere in formato app diventato una mania che ha contagiato più di 25 milioni di utenti nel mondo. Gli iscritti sono oltre 45mila e la gara durerà fino al 14 aprile.
In palio per il primo classificato c’è un MacBook Pro di Apple; per il secondo e terzo buoni acquisto, rispettivamente da 500 e 300 euro, di prodotti tecnologici.

INIZIA LA PARTITA – Partecipare è semplicissimo. Basta scaricare l’applicazione dedicata (“Campionato Nazionale di Ruzzle”) da App Store o Google Play. La app provvederà ad assegnarvi un avversario. A questo punto basta tornare a 2Ruzzle e sifdare il prescelto, inserendo il nickname in “aggiungi un amico”. Le sfide sono uno contro uno, come nel gioco classico. Chi si iscrive oggi avrà 5 vite a disposizione. In caso di vittoria sui 3 round si passa il turno, mentre se si perde viene tolta una delle vite residue. Quando si arriva a zero vite non sarà più possibile lanciare sfide, ma solo raccogliere quelle che si ricevono. In caso di pareggio la sfida dovrà essere ripetuta fra gli stessi contendenti. Il numero massimo di partite aperte contemporaneamente è 5. Quando si vice è necessario inviare lo screenshot tramite l’applicazione del Campionato.

ALTO LÀ AI “BARONI” – «Zero tolleranza per i cheaters, i truffatori», promettono gli organizzatori del campionato. Non fatevi tentare dalla truffa. Chi verrà beccato a servirsi di applicazioni, siti o altri mezzi per alterare il torneo sarà immediabilmente espulso. Neppure gli accordi tra i partecipanti saranno tollerati.

E ora dateci dentro con le parole!

SHARE
Previous articleGoogle celebra Douglas Adams
Next article“Il grande Gatsby” aprirà il festival di Cannes

Giornalista per passione e professione dal 2015. Mamma e moglie giramondo. Senese doc, adesso vive a Londra, ma negli ultimi anni è passata per Torino, per la Bay area californiana, per Milano. Lettrice a tempo pieno, ama anche il cinema, l’arte e lo sport.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here