Turismo letterario: 9 musei “da lettori” da visitare almeno una volta nella vita

In giro per il mondo - dalla Gran Bretagna all'Australia - sulle orme di grandi autori, testi e suggestioni

0

Il 17 maggio 2017 ha aperto al pubblico, a Chicago, l’American Writers Museum, una delle strutture più grandi al mondo dedicate alla letteratura americana, la cui collezione spazia dai libri messi al bando alla Generazione perduta fino agli scrittori nativi americani.

È solo l’ultimo in ordine di tempo dei cosiddetti musei “da lettori” a vedere la luce. E se qualche realtà consolidata, purtroppo, chiude anche i battenti – come non ricordare il Musee des Lettres et Manuscrits di Parigi? -, c’è davvero tanto da scoprire, per chi ama leggere e non solo.

Pronti a partire per un viaggio intorno al mondo? Riprendendo un pezzo di Bustle, ecco i 9 musei che ogni booklover dovrebbe visitare almeno una volta nella vita.

1. British Library, Londra


Il Victoria & Albert Museum forse ha una collezione più ampia di libri per bambini (se siete a Londra date un'occhiata al sito per vedere se ci sono delle mostre a tema), ma la collezione permanente della British Library, a disposizione del pubblico gratuitamente, è un spettacolo che non vorrete perdere. Tra gli altri, potrete visionare il manoscritto di Beowulf, una copia del Messia scritto da Handel, il primo libro a stampa del mondo e così tanti altri tesori che gli occhi potrebbero schizzarvi fuori dalle orbite. Oltre a questo, vengono ospitate anche mostre temporanee – di solito a tema britannico, ma non solo. 

2. National Steinbeck Centre, Salinas


L'autore di “Uomini e topi” e di altri grandi classici americani ha il suo nome legato a uno straordinario museo nella sua città natale, Salinas in California. Se vi interessano gli artefatti letterari che hanno ispirato libri famosi, lo Steinbeck è quello che fa per voi. Contiene infatti cimeli di ogni tipo legati all'autore, dai manoscritti alle lettere, passando per gli oggetti che si trovano nei suoi romanzi. Il dettaglio è piuttosto sconvolgente, e le sale provano a seguire lo sviluppo e le emozioni di ogni libro, quindi leggete tutto il catalogo prima di entrare dalla porta.

3. Morgan Library & Museum, New York


Il Morgan non si trova esattamente fuori dalle piste più battute di New York – quindi potreste dover combattere con orde di turisti per raggiungerlo – ma vale davvero la pena farlo, vista la sua incredibile collezione di libri storicamente significativi. Creato dal ricchissimo Pierpont Morgan, il museo, in sintesi, è il sogno di ogni amante dei libri con tanti soldi a disposizione diventato realtà. Vorreste dare una sbirciatina al manoscritto originale di “Walden Pond” di Thoreau? Si trova qui. Così come ci sono prime edizioni di opere di Lord Byron, Nabokov, Sylvia Plath, Mark Twain ed Edgar Allan Poe, oltre a una famosa collezione di manoscritti medievali, alle lettere di Jane Austen, all'unico manoscritto noto di “Paradiso perduto” di Milton e a “Canto di Natale” di Dickens . Ah, e tre Bibbie di Gutenberg - perché chi si limiterebbe a possederne soltanto una, avendo la possibilità di strafare? Preparatevi a rimanere sbalorditi.

4. Santuario del Libro, Gerusalemme


Nel Santuario del Libro di Gerusalemme sono conservati i Rotoli del Mar Morto, le pergamene scoperte nelle grotte di Qumran a partire dal 1947. Si tratta di un museo costruito intorno ad alcuni frammenti di pergamena e papiro – ma che frammenti, ragazzi! I Rotoli del Mar Morto sono tra gli scritti più importanti nella storia dell'uomo: comprendono i terzi manoscritti più antichi della Bibbia ebraica, e nel Santuario sono conservati sette dei libri scoperti. Il design stesso del museo è pensato per evocare i vasi in cui sono stati ritrovati i rotoli, conservati per migliaia di anni. Questo non è tanto un museo quanto una sorta di luogo di culto, quindi dovrete essere rispettosi al suo interno.

5. Biblioteca Bodleiana, Oxford


La Biblioteca Bodleiana è probabilmente, senza eccezioni, la biblioteca più importanti del mondo anglosassone. Ha un mandato speciale, conservare una copia di ogni libro pubblicato in Inghilterra, e qualunque rara meraviglia letteraria stiate cercando - una Bibbia di Gutenberg, un First Folio - le probabilità di trovarla qui sono alte. Una nuova ala, la Weston, attualmente ospita una mostra intitolata “Marks of Geniusdisplaying”, che contiene un'esigua parte dei tesori delle collezioni delle Bodleiana: una versione della Magna Carta, la prima bozza di "Frankenstein" di Mary Shelley, una prima edizione di William Blake.

6. Kafka Museum, Praga


Se siete degli appassionati di Kafka e al contempo amate i design interessanti, il Kafka Museum è la soluzione giusta per voi. La struttura si propone l'obiettivo di rappresentare non soltanto gli elementi fisici della vita di Kafka – dalle lettere alle fotografie e alle bozze dei romanzi – ma l'essenza stessa del mondo dell'autore: strano, capace di scombussolare, invaso dal surrealismo, e da una burocrazia impazzita. All'interno del museo si trova persino un labirinto fatto di schedari per evocare gli anni di Kafka come impiegato. È senza dubbio uno dei più evocativi viaggi del mondo all'interno della testa di uno scrittore.

7. National Museum of India, Nuova Delhi


Il National Museum di Nuova Delhi ospita una delle più importanti collezioni di manoscritti di testi asiati e arabi al mondo – il catalogo contiene oltre 14.000 voci. Ogni classico del canone indiano si trova qui, ma c'è spazio per testi di ogni tipo, dai cinesi ai persiani. Testi sacri buddisti incisi su rame, una poesia in sanscrito del XII secolo su una foglia di palma, alcune delle migliori calligrafie arabe della storia, l'autobiografia del Mughal Emperor Babur. Pensate a un'opera appartenente a quest'area geografica e molto probabilmente sarà conservata al National. C'è anche un'intera mostra dedicata alle scritture persiane sugli oggetti decorativi. È davvero fantastico.

8. Norman Lindsay Gallery & Museum, Australia


Se siete australiani, il nome Norman Lindsay farà suonare un campanello nella vostra mente che rimanda direttamente all'infanzia. Se non lo siete, vi diciamo noi che questo autore è famoso per aver scritto la fiaba più eccentrica e ridicola del continente, "The Magic Pudding", che ha anche illustrato. Sebbene Lindsay sia conosciuto principalmente come artista, la Norman Lindsay Gallery & Museum nelle Blue Mountains, New South Wales, pone l'accento sui suoi sforzi letterari. Lindsay ha scritto infatti una serie di romanzi proibiti e due autobiografie. Il museo potrebbe risultare bizzarro per chi non ha mai sentito nominare l'autore, quindi fate qualche ricerca prima di visitarlo (e magari leggete la fiaba di cui parlavamo, perché è davvero esilarante).

9. Harry Ransom Center, Texas


Le mostre permanenti del Ransom Center sono soltanto due, ma ci vanno giù pesanti: sono infatti esposti una Bibbia di Gutenberg e la prima fotografia al mondo. Non troverete niente di più importante. Si trova qui anche un manoscritto dei "Canterbury Tales" di Chaucer, oltre a una bella collezione di testi di alcuni dei migliori poeti e scrittori americani, da O. Henry a Katherine Mansfield e Robert Louis Stevenson — testi che, grazie a un progetto in corso, saranno presto disponibili in digital. Al momento il centro sta ospitando una grande mostra su Shakespeare, che comprende anche i primi scritti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here