di Valentina Biondini

 

I libri, i film e da ultimo le rappresentazioni teatrali che esplorano l’universo di Harry Potter sembrano non essere abbastanza per alcuni fan, sempre a caccia di contenuti extra.

Da questo punto di vista J. K. Rowling si è sempre dimostrata prodiga, condividendo, nel corso degli anni, moltissime notizie inedite. Tra le altre cose, l’autrice ha anche parlato dei personaggi che erano presenti nelle prime bozze dei romanzi ma che poi sono stati “fatti fuori” e non hanno mai visto la luce – ovvero, la pubblicazione.

Riprendendo un pezzo di Mental_floss, vediamo insieme i 7 più interessanti che non hanno trovato posto nel magico universo di Harry Potter.

 

1. MAFALDA

In “Harry Potter e il calice di fuoco” Hermione aiuta l’amico a destreggiarsi tra le prove del Torneo Tre Maghi, interagisce con Viktor Krum e fonda il C.R.E.P.A. Ma nelle prime bozze la strega si scontrava anche con la cugina di Ron. Mafalda doveva essere la figlia del cugino di secondo grado di Arthur Weasley, brevemente menzionato in “Harry Potter e la pietra filosofale”. Nel quarto libro doveva passare parte dell’estate con i Weasley e accompagnarli alla Coppa del mondo di Quidditch. In poco tempo sarebbe stato chiaro perché i genitori l’avevano mandata dai parenti: Mafalda era viziata e con un brutto carattere, “la ragazzina peggiore con cui Molly Weasley avesse mai avuto a che fare”, secondo la Rowling. Inoltre apparteneva alla casa di Serpevederde, una rarità tra i Weasley, ed era estremamente brillante. Se fosse stata presente nei libri, sarebbe stata una delle maggiori rivali di Hermione. Sebbene la Rowling andasse fiera del personaggio ha dovuto eliminarlo per ragioni pratiche, e al suo posto ha creato Rita Skeeter.

CANCELLATO PERCHÉ: Ingestibile a quel punto della storia.

2. MOPSY, L’AMANTE DEI CANI

L’universo potteriano è pieno di amanti degli animali, a partire da Hagrid e passando per la signora Figg. “Harry Potter e il calice di fuoco” è andato vicino ad averne un altro, nella forma di Mopsy, una vecchia strega molto eccentrica che accudiva uno strampalato branco di cani malati ed era in cattivi rapporti con i suoi vicini, proprio a causa del baccano prodotto dai suoi animali. Quando Mopsy vede Sirius sotto forma del cane Felpato lo prende e lo porta nella sua casa poco fuori Hogsmeade. L’editore chiese alla Rowling di tagliare il personaggio perché aggiungeva poco alla trama, e l’autrice dovette concordare con lui. Al suo posto, la Rowling ha immaginato che Sirius/Felpato vivesse in una grotta e che lì Harry, Ron ed Hermione fossero andati per incontrarlo senza timore di venire ascoltati.

CANCELLATO PERCHÉ: Richiesta dell’editore.

 

3. PYRITES

In una delle prime bozze della serie, Voldemort aveva un servitore di nome Pyrites (letteralmente “l’oro del pazzo”). Lui doveva incontrare Sirius Black fuori dalla casa dei Potter il giorno del loro assassinio. Come scritto dalla Rowling sul suo sito, “sarebbe stato un dandy, con sempre indosso guanti di seta bianchi – che avrebbero creato un contrasto grandioso, macchiati di sangue”.

CANCELLATO PERCHÉ: Vittima del processo di revisione editoriale.

4. MOPSO

Un altro personaggio presente nelle prime bozze di “Harry Potter e la pietra filosofale” era Mopso, un mago cieco con la capacità di predire il futuro, o divinare – per quel che ne sappiamo il suo nome non ha niente a che vedere con la Mopsy del punto due, ma riprende quello di un celebre indovino della mitologia greca. Le sue grandi capacità, però, lo rendevano un personaggio complicato da gestire. “Se al tempo di Harry Potter ci fosse stato qualcuno davvero dotato nell’arte della divinazione la drammaticità della storia ne avrebbe risentito, perché qualcuno avrebbe saputo cosa stava per succedere”. La professoressa Sibilla Cooman, dotata ma inetta, ha preso il suo posto come veggente, mentre parte delle sue caratteristiche sono state utilizzate per il personaggio di Malocchio Moody.

CANCELLATO PERCHÉ: Difficile da gestire, problematico per la trama.

 

5. IL FIGLIO MAGO DI DUDLEY

Nell’epilogo della serie, alla stazione di King’s Cross avrebbe potuto esserci una famiglia in più. La Rowling ha infatti preso in seria considerazione l’idea di dare a Dudley Dursley un figlio con poteri magici, da mandare ad Hogwarts insieme ai figli del cugino Harry. L’idea è stata scartata perché, come ha scritto l’autrice stessa, “nessun gene magico latente avrebbe mai potuto sopravvivere al contatto con il DNA di zio Vernon”. Da adulti, Dudley ha continuato a mandare ad Harry gli auguri di Natale e i loro contatti si sono limitati a questo.

CANCELLATO PERCHÉ: Nessun gene magico latente avrebbe potuto sopravvivere al contatto con il DNA di zio Vernon.

6. IL PROFESSOR TROCAR

Il mondo di Harry Potter è pieno di fantasmi, goblin e lupi mannari. I vampiri, invece, non compaiono altrettanto di frequente. Come ha spiegato la Rowling su Pottermore: “Il mito dei vampiri è così ricco, ed è stato affrontato così tante volte nei libri e nei film che pensavo di aver poco di originale da scrivere a riguardo”. L’autrice ha comunque preso in considerazione l’idea di inserire un succhiasangue tra i docenti di Hogwarts. Il professor Trocar è sempre stato soltanto un abbozzo – la Rowling non aveva nemmeno immaginato che materia avrebbe dovuto insegnare.

CANCELLATO PERCHÉ: Di vampiri sono pieni i libri – e i film.

 

7. LA SORELLA DI HERMIONE

La Rowling non ha mai avuto intenzione di fare di Hermione una figlia unica, al contrario, aveva sempre immaginato per lei una sorella minore. Dopo aver pubblicato un paio di libri senza mai menzionarla, però, si è resa conto che era troppo tardi per introdurla in una maniera gradevole. Il lato positivo è che, senza di lei, Hermione ha dovuto obliare un parente di meno, nel settimo libro.

CANCELLATO PERCHÉ: Non è mai stato il momento di introdurla, e poi era troppo tardi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here